Tecniche della prevenzione nell’Ambiente e nei luoghi di lavoro

Dipartimento
Segreteria
Internazionalizzazione
Servizi

Ai sensi della legge 264 del 2 settembre 1999 (“Norme in materia di accesso ai corsi universitari”) l’accesso al corso di laurea è a numero programmato ed il numero degli studenti ammessi è determinato annualmente dalle competenti Autorità in base alla disponibilità di personale docente, di strutture didattiche e di strutture idonee per la conduzione delle attività di tirocinio.

Per l’accesso al CdL è prevista una prova di ammissione organizzata dall’Ateneo sulla base delle disposizioni emanate ogni anno dal Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR), secondo quanto previsto in materia di accesso ai corsi a programmazione nazionale. Le disposizioni sono richiamate nel bando di ammissione alle Professioni Sanitarie, pubblicato annualmente sul sito Internet dell ‘Università degli Studi del Molise.

La prova di ammissione consiste nella soluzione di quesiti a risposta multipla su argomenti concernenti i fondamenti di base delle materie propedeutiche dell’area sanitaria, quali: biologia, chimica, fisica, matematica, nonché sul ragionamento logico e nozioni di cultura generale. Per l’accesso, fra i prerequisiti consigliati sono richieste conoscenze di base in Matematica, Fisica, Chimica e Biologia secondo i sillabi annualmente pubblicati dal MUR. Il possesso delle conoscenze indicate avviene mediante I ‘analisi dei risultati della prova di ammissione.

Il test di ammissione oltre ad avere funzione selettiva, ha anche valore di prova di valutazione per l’accertamento delle conoscenze iniziali, richieste per l’accesso, negli stessi ambiti del test definiti dal Decreto del MUR. In dettaglio, agli studenti che pur collocati in posizione utile, e dunque immatricolati al corso di laurea, ma che nelle discipline di Biologia e Chimica hanno totalizzato un punteggio inferiore ad 1/4 di quello massimo realizzabile (rispettivamente 6,8 e 4,5), verranno organizzate attività per il recupero degli Obblighi Formativi Aggiuntivi (OFA). Pertanto, agli studenti immatricolati, che alla prova di ammissione non abbiano raggiunto la votazione minima definita precedentemente, sarà assegnato un OFA che dovrà essere assolto entro il primo anno attraverso la frequenza di un corso che prevede un’idoneità finale. Le modalità di recupero verranno descritte nel bando. Gli studenti dovranno assolvere al recupero degli OFA prima della partecipazione agli esami di profitto delle discipline interessate ossia Biologia e Chimica.

Così come riportato all’art. 28 comma 8 del Regolamento didattico di Ateneo non è consentita l’iscrizione contemporanea a più corsi di studio. La violazione della norma comporta l’annullamento automatico di ogni immatricolazione successiva alla prima.

Lo studente può richiedere la sospensione temporanea degli studi per uno o più anni accademici per iscriversi e frequentare Corsi di studio presso università straniere, fatto salvo il possibile riconoscimento dei crediti conseguiti all’estero all’atto della ripresa degli studi (all ‘art. 28 comma 9 del Regolamento didattico di Ateneo)

Torna al corso